Sei qui: Home News 25/07/2014 - Comunicazione per le Regioni a statuto ordinario

Federalismo fiscale

SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico S.p.A. IFEL

25/07/2014 - Comunicazione per le Regioni a statuto ordinario

Stampa 

Il “Settore Trasporto Pubblico Locale” (TPL) è al centro della nuova rilevazione per le Regioni a statuto ordinario.

Un nuovo filone di attività che ha interessato la SOSE nel corso del 2013 è quello legato al Federalismo Regionale. In particolare, come previsto dall’art. 13 del D.lgs. 68 del 2011 SOSE, in collaborazione con l’ISTAT e avvalendosi della struttura tecnica di supporto alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome presso il Centro Interregionale di Studi e Documentazione (CINSEDO), ha il compito di procedere alla ricognizione dei livelli delle prestazioni che le Regioni a statuto ordinario effettivamente garantiscono e dei relativi costi.

Il "Trasporto Pubblico Locale (TPL)", delle Regioni a statuto ordinario, è al centro di questa nuova rilevazione. Dal 25 luglio 2014 sono online sul portale Opendata (https://opendata.sose.it/fabbisognistandard/) tre nuovi questionari (FR01A - Trasporto su Gomma, FR01B - Trasporto su Ferro, FR01C - Trasporto su Metro/Tram e altre tipologie di trasporto), progettati da SOSE e condivisi con la Commissione Infrastrutture, Mobilità e Governo del territorio nell’ambito della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, per la rilevazione dei dati relativi al periodo 2006-2013, concernenti i livelli infrastrutturali e le spese in conto capitale.

E’ possibile visionare i questionari e procedere alla loro compilazione utilizzando le credenziali di accesso al portale Opendata. I questionari dovranno essere compilati entro il 15 ottobre 2014.

Le Regioni a statuto ordinario possono ricevere assistenza nella compilazione dei questionari inviando una email all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. con la descrizione dell’informazione richiesta nonché un riferimento telefonico per un eventuale ricontatto.
Infine, per eventuali problemi di accesso si può inviare una email all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o contattare il numero 06 508311