Sei qui: Home

Federalismo fiscale

SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico S.p.A. IFEL

Avviso all'utenza

Si avvisano tutti gli Enti che, al fine di procedere ad una corretta elaborazione dei dati per il calcolo dei fabbisogni standard, è necessario chiudere il “Questionario unico 2016 per i Comuni, Unioni di Comuni e Comunità Montane - FC20U” entro e non oltre il 30 agosto 2017.

Le eventuali richieste di riapertura del suddetto questionario potranno essere inviate entro il 23 agosto pv.

 

Progetto Fabbisogni Standard

Stampa 

Logo Federalismo Fiscale

Il progetto fabbisogni standard nasce con il D.lgs. 216/2010 che affida a SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico S.p.A. la predisposizione delle metodologie finalizzate alla determinazione dei fabbisogni standard.

I fabbisogni standard rappresentano le reali necessità finanziarie di un ente locale in base alle sue caratteristiche territoriali e agli aspetti socio-demografici della popolazione residente.

L’adozione del calcolo dei fabbisogni standard per la distribuzione dei trasferimenti perequativi permette il superamento del vecchio criterio della spesa storica sulla quale si basano attualmente i trasferimenti agli Enti territoriali.

Questo approccio metodologico viene oggi considerata una best practice relativa alla progettazione dei sistemi di finanziamento dei governi locali e offre al Paese un’importante chance per ammodernare le relazioni intergovernative e rendere più efficiente la spesa pubblica degli Enti Locali.

Tutte le informazioni pubblicate in questa sezione sono a disposizione di Comuni, Unioni di Comuni, Comunità Montane, Province, Città metropolitane e Regioni con l'obiettivo di favorire il dialogo tra Enti Locali, SOSE, IFEL – Istituto per la Finanza e l’Economia Locale, UPI – Unione Province D’Italia e CINSEDO - Centro Interregionale di Studi e Documentazione.

Inoltre, sono disponibili le istruzioni per la compilazione del questionario e tutti i riferimenti normativi che hanno segnato le diverse fasi del Progetto Fabbisogni Standard e del Progetto Ricognizione dei livelli delle prestazioni garantite dalle Regioni a statuto ordinario e dei relativi costi.